Al momento stai visualizzando A cosa è dovuta l’insonnia?

A cosa è dovuta l’insonnia?

Rating post

Le cause dell’insonnia

Parlare di cause dell’insonnia significa prendere in considerazione un problema diffuso: fino al 35% degli adulti soffre di insonnia. Per insonnia si intende la difficoltà ad addormentarsi, a dormire durante la notte e a svegliarsi riposati come si vorrebbe.

L’insonnia può essere responsabile di diversi problemi, tra cui un’eccessiva sonnolenza diurna, un aumento del rischio di incidenti stradali e numerosi problemi di salute.

Lo stress, una qualità di sonno insoddisfacente, errate abitudini prima di addormentarsi, condizioni di salute mentale come ansia e depressione,  uso di farmaci, problemi neurologici, disturbi fisici e dolori cronici,  sono alcune delle cause dell’insonnia.

Le cause dell’insonnia sono quindi da ricercare all’interno delle condizioni descritte che possono, oltre a causare insonnia, anche esacerbare il problema.

I disturbi del sonno sono tutti uguali?

Non tutta l’insonnia è uguale: le persone possono sperimentarla in modi diversi.

A differenza dell’insonnia cronica, che dura per tre mesi o più, l’insonnia occasionale dura solo per un breve periodo.

Alcune persone hanno problemi ad addormentarsi (latenza del sonno), mentre altre hanno problemi a mantenere il sonno (mantenimento del sonno).

Le cause dell’insonnia hanno un effetto diretto sull’entità del disturbo sperimentato dal soggetto; eventuali condizioni mediche sottostanti possono amplificare il disturbo medesimo.

cause dell insonnia

Insonnia: cause comuni

Le cause potenziali dell’insonnia sono molteplici e, spesso, i fattori che vi contribuiscono possono essere molteplici. L’insonnia ha un complicato rapporto di causa-effetto con altri problemi di salute, perché può peggiorarli o provocarne l’aggravamento.

A livello generale, si ritiene che l’insonnia sia causata da uno stato di iperarousal, ossia uno stato di iper-vigilanza, che interferisce con l’addormentamento o il mantenimento del sonno. L’iperarousal può avere causa sia mentale che fisica e può essere provocato da una serie di fattori esterni e condizioni mediche.

Stress e insonnia

Una risposta significativa dell’organismo provocata dallo stress può essere una delle cause dell’insonnia. Il lavoro, la scuola e le relazioni interpersonali possono causare questa particolare risposta allo stress. Lo stress cronico, compreso il disturbo post-traumatico da stress, può essere causato dall’esposizione a esperienze traumatiche.

L’iperarousal è una reazione fisiologica allo stress che può essere causata anche dall’ansia. Può diventare progressivamente difficile interrompere il ciclo di stress e insonnia, perché l’insonnia stessa può essere causa di stress e di ansia.

Secondo i ricercatori, alcune persone possono essere più suscettibili di altre ai problemi di sonno causati dallo stress. Queste persone sono considerate ad alta “reattività del sonno“, che è collegata a vari problemi in grado di influenzare sia il sonno che la salute fisica e mentale.

Insonnia: cause da errati schemi del sonno

Il ritmo circadiano, l’orologio interno del corpo, dovrebbe idealmente corrispondere al ciclo giornaliero del giorno e della notte. In realtà, molti schemi di sonno di diverse persone non coincidono con il normale ciclo circadiano.

I due esempi più noti sono il lavoro a turni e il jet-lag. Poiché l’organismo di una persona non riesce ad adattarsi a un improvviso cambiamento di fuso orario, il jet-lag rende difficile addormentarsi. Ugualmente il lavoro a turni richiede di lavorare durante la notte e di dormire durante il giorno.

Entrambi possono essere causa di insonnia, alterando il normale ritmo circadiano.

In alcune persone i ritmi circadiani possono essere spostati in avanti o indietro per cause non chiare, compromettendo sia la latenza del sonno (tempo richiesto per addormentarsi) sia la qualità dello stesso.

Cause di insonnia e stile di vita

Tra le possibili cause di insonnia vi possono essere abitudini errate legate allo stile di vita, alla dieta e al consumo di bevande. Tra queste le più comuni sono:

  • lavorare fino a tarda notte o usare dispositivi elettronici come tablet, cellulare o videogiochi forza il sistema nervoso a mantenersi attivo e ritardando la latenza del sonno o alterando il ciclo circadiano;
  • eventuali sonnellini nel tardo pomeriggio possono alterare il ritmo del sonno e rendere difficile il riposo notturno ed essere causa di insonnia;
  • utilizzare il letto per scopi diversi dal dormire, per esempio leggere un libro o guardare il dispositivo mobile, può portare ad associare inconsciamente il letto alla veglia ed essere causa di insonnia

Anche se spesso non vengono prese in considerazione, le scelte alimentari possono influire sui problemi del sonno ed essere causa di insonnia. In particolare:

  • se consumata nel pomeriggio e alla sera, la caffeina è uno stimolante che può rimanere in circolo per ore, rendendo difficile addormentarsi e causando insonnia e disturbi del sonno. Un altro stimolante che può compromettere il sonno è la nicotina;
  • poiché interrompe il ciclo del sonno e provoca un sonno frammentato e non ristoratore, l’alcol, pur avendo un effetto sedativo, può peggiorare la qualità del sonno ed essere causa di insonnia;
  • Se assunti in tarda serata, i pasti abbondanti, ricchi di grassi, possono essere causa di insonnia creando problemi di latenza del sonno e disturbi nella qualità dello stesso.

 L’ansia causa insonnia

L’ansia, un disturbo mentale, può causare insonnia.

Ansia, depressione e disturbo bipolare sono tra le malattie mentali che spesso causano gravi problemi di insonnia. Si stima che il 40% delle persone che soffrono di insonnia soffrano di un qualche disturbo mentale, con prevalenza dell’ansia.

Queste malattie possono causare iperarousal e pensieri negativi pervasivi che tengono svegli di notte e causano insonnia.

Inoltre, in un meccanismo di loop, le ricerche dimostrano che l’insonnia può aggravare i disturbi dell’ansia e dell’umore, peggiorando i sintomi ed eventualmente aumentando il rischio di sperimentare l’ansia mattutina.

Insonnia e dolore

Quasi tutte le patologie con sintomo principale il dolore rendono difficile il riposo e interferiscono con il sonno. Quando non si riesce a dormire a causa del dolore, concentrarsi su di esso potrebbe peggiorare la situazione, causando maggiore ansia e causando insonnia e disturbi del sonno.

Sono molti i dati emersi dagli studi che mettono in relazione il dolore e l’insonnia. Ad esempio, una tendenza che risulta dagli studi sulla popolazione è che i disturbi del sonno predicono in modo affidabile le esacerbazioni del dolore cronico.

Un altro fattore importante che causa insonnia può essere rappresentato dai problemi di salute associati al diabete di tipo II. I dolori della neuropatia periferica, l’aumento minzioni notturne e le rapide fluttuazioni della glicemia possono causare insonnia e disturbi del sonno. Inoltre, esiste un legame tra il diabete e altri problemi medici come l’apnea ostruttiva del sonno e la depressione.

 Alcuni farmaci possono causare insonnia

Molti tipi diversi di farmaci possono dare effetti collaterali, tra cui insonnia e i problemi di sonno. Ne sono un esempio gli antidepressivi e alcuni ansiolitici, farmaci per trattare l’ansia, i farmaci per la pressione sanguigna e quelli per l’asma. Alcuni farmaci, al contrario, possono dare sonnolenza durante il giorno, interrompendo così il normale ciclo circadiano.

Anche la semplice assunzione di farmaci può causare disturbi del sonno: le benzodiazepine possono causare dipendenza e, interrompendone l’assunzione, i sintomi dell’astinenza o altre reazioni dell’organismo possono causare insonnia e allungare i tempi di latenza del sonno.

Insonnia: cause da problemi neurologici

Secondo la ricerca alcuni problemi neurologici possono causare insonnia: infatti, alcuni problemi cerebrali, come quelli neurodegenerativi e del neurosviluppo, sono collegati a una maggiore incidenza dell’insonnia.

Il ritmo circadiano e l’interpretazione dei segnali quotidiani che regolano il ciclo sonno-veglia possono essere influenzati da malattie neurodegenerative come la demenza e il morbo di Alzheimer. La confusione notturna può rendere più difficile il sonno.

Le persone possono soffrire di iperarousal a causa di disturbi del neurosviluppo come il disturbo da deficit di attenzione o l’iperattività. I bambini con disturbo dello spettro autistico hanno spesso problemi di sonno, che possono protrarsi anche in età adulta.

Le cause dell’insonnia negli anziani

Il 30-45% delle persone anziane soffre di insonnia e spesso fatica ad avere un sonno regolare per tutta la notte.

L’insonnia negli anziani può essere causata dagli stessi fattori che la provocano nelle persone più giovani: stress, malattie fisiche, problemi di salute mentale e errati modelli di sonno. Tuttavia, a causa dei tassi più elevati di malattie croniche, dell’isolamento sociale e dell’uso crescente di numerosi farmaci da prescrizione che possono interferire con il sonno, gli anziani sono spesso più suscettibili all’insonnia.

Secondo una ricerca, gli adulti sopra i 60 anni hanno un sonno qualitativamente inferiore al resto della popolazione. Trascorrono meno tempo nella fase di sonno REM e profondo, il che costituisce un fattore che facilita il disturbo e l’interruzione del sonno.

Un ulteriore elemento che può causare insonnia negli anziani è l’alterazione del ciclo circadiano imputabile alla ridotta esposizione alla luce diurna per quei soggetti collocati in RSA.

Autore:
Dott.ssa Vittoria Martelli
Laurea in Biotecnologie Mediche