Al momento stai visualizzando Ansia mattutina: cos’è e quali sono i sintomi

Ansia mattutina: cos’è e quali sono i sintomi

Rating post

Capita a tutti di svegliarsi al mattino in preda all’ansia. Succede a causa di quel compito che ci aspetta a lavoro, per quel colloquio, per la relazione burrascosa con quella persona che, sicuramente, rivedremo nell’arco della giornata.

Se ogni nostro risveglio è accompagnato dai sintomi dell’ansia mattutina, però, questa condizione smette di essere occasionale e diventa un problema rilevante, con enormi conseguenze non solo sulla nostra giornata, ma anche sul nostro stato mentale e sul benessere generale.

Per fortuna ci sono diversi modi per curare l’ansia al mattino e i sintomi. In questo articolo, approfondiremo l’argomento e vedremo cosa fare per risolvere il problema dell’ansia mattutina e i suoi sintomi.

i sintomi dell'ansia mattutina

Cos’è l’ansia mattutina e sintomi

L’ansia mattutina può essere descritta come una sensazione generale di paura, stress e preoccupazione che si prova al mattino, subito dopo il risveglio e nei minuti successivi. È un problema abbastanza frequente e può verificarsi solo occasionalmente o con una certa regolarità, a seconda del soggetto e delle sue condizioni di vita. L’ansia mattutina e i suoi sintomi hanno dunque cause psicologiche e deriva, in larga parte, da angoscia e timore fondati o meno, per quello che prevediamo possa succedere durante il giorno o nell’immediato futuro, ma hanno anche cause biologiche. E’ esacerbata dall’insonnia e può essere una conseguenza degli attacchi di panico notturno.

Quando ci svegliamo la mattina, l’ormone dello stress, il cortisolo, è più alto. Questo ormone tende a salire poco prima del risveglio e raggiunge il suo apice nei 30-45 minuti successivi. Anche alti livelli di caffeina, troppi zuccheri nel sangue (o troppo pochi), possono influire sull’ansia al risveglio e sui sintomi.

L’aumento del cortisolo accresce l’ansia al mattino, i sintomi che i soggetti accusano più spesso sono:

  • battito cardiaco più veloce,
  • aumento del flusso sanguigno,
  • aumento dell’adrenalina,
  • irrequietezza e irritabilità,
  • affaticamento,
  • confusione mentale e di pensiero,
  • difficoltà di attenzione o a concentrarsi,
  • difficoltà a calmarsi.

Cosa puoi fare per limitare l’ansia mattutina e i sintomi?

Per gestire l’ansia al risveglio e i suoi sintomi è necessario individuare il problema. Per farlo, potrebbe esserti utile scrivere su un diario i sintomi, gli eventi per cui eri preoccupato, quelli che si sono realmente verificati e, soprattutto, se avevi ragione a sentirti ansioso quel mattino o se tutto alla fine è andato meglio del previsto.

Spesso, infatti, succede di provare ansia al risveglio anche in vista di eventi obiettivamente poco o per nulla ansiogeni. Tenere un diario come suggerito, invece, ti aiuterà a prendere coscienza del tuo problema e a valutare, in modo obiettivo, se e come puoi gestirlo. Nel caso la tua ansia al risveglio e i sintomi siano davvero pesanti o difficili da gestire, il diario sarà prezioso per il tuo terapista, perché grazie ad esso, saprà valutare il tuo problema e consigliarti una cura o un trattamento adatti.

Altre cose che puoi fare per curare la tua ansia al risveglio e i sintomi sono:

  • Creare delle routine di sonno, come andare a dormire alla stessa ora o svolgere attività rilassanti come leggere o ascoltare musica;
  • Limitare l’uso della TV e dei social media prima di andare a letto. Questi strumenti, oltre a tenerti sveglio più a lungo, influenzano negativamente la qualità del sonno.
  • Fai una buona colazione: ritagliati 15-20 minuti per rilassarti con una colazione che ti piace (yogurt, cereali, caffe d’orzo, biscotte, latte…), evita di guardare la TV, soprattutto i notiziari. Invece, ascolta della buona musica o guarda qualcosa che ti metta di buon umore.
  • Se riesci a svegliarti un po’ prima, pratica delle attività rilassanti e che ti piacciono: un po’ di meditazione, attività fisica, una corsetta veloce, leggere, disegnare… Compi queste azioni come se fossero un rito per iniziare bene la giornata.
  • Se ti senti ansioso per quello che accadrà o che potrebbe succedere nel corso della giornata, prova a pensare a quanto di positivo potrebbe accaderti o alle attività piacevoli che potrai fare nelle ore successive.

Quando consultare uno specialista?

Se per un mese o due t’impegni a seguire questi consigli, ma non vedi miglioramenti nell’ansia mattutina né i suoi sintomi sono scomparsi, o se noti che questa condizione interferisce con la vita quotidiana e ti rende le cose difficili e insopportabili, allora potrebbe essere il caso di consultare uno specialista, che valuterà la tua situazione particolare.

Un terapista può utilizzare una serie di approcci per aiutarti a gestire efficacemente la tua ansia al risveglio e i sintomi. Tra le pratiche più utilizzate troviamo: la terapia cognitivo comportamentale, la terapia dell’esposizione, una terapia per trattare eventuali traumi e altre tecniche.

Uno specialista potrebbe anche consigliarti alcuni cambiamenti da apportare al tuo modo di vivere o alle tue abitudini. Potrebbe invitarti a intraprendere una dieta più sana, a fare più esercizio fisico o a iniziare pratiche come yoga, meditazione e attività di rilassamento. Sono tutti sistemi utili per gestire l’ansia al risveglio e i sintomi.

Se necessario, in casi particolari e gravi, un medico può anche descrivere degli ansiolitici ma, in generale, basta cambiare la propria visione delle cose per gestire gran parte dei problemi dovuti all’ansia.

Da dove iniziare

Scegliere un terapista può sembrare difficile, ma un portale medico online serio e affidabile, come questo, è un ottimo luogo per iniziare a cercare. Ci avvaliamo della professionalità e dell’esperienza di un’equipe medica di alto profilo per aiutare le persone a trovare risposte affidabili ai loro dilemmi sulla salute, a ricevere pareri specializzati e a trovare la guida più adatta a loro, che indicherà loro il percorso di guarigione migliore da seguire.

Il nostro staff medico opera nel pieno rispetto della privacy e con la massima professionalità, perciò non aspettare a trovare lo specialista che fa per te e a chiedere un consulto. Ricorda di essere sincero e di non provare vergogna nel parlare dei problemi di ansia mattutina e non e dei sintomi. Se vuoi saperne di più sull’ansia, dai un’occhiata ai tanti nostri articoli relativi all’argomento. Trattiamo questo disturbo sotto ogni suo aspetto e potrai trovare tante informazioni preziose che ti aiuteranno a conoscere meglio il disturbo e ad affrontarlo con maggiore serenità.

Autore:
Dott.ssa Vittoria Martelli
Laurea in Biotecnologie Mediche